7 passi per scattare il vostro TimeLapse con GoPro

13

Abbiamo parlato di cosa vuol dire fare TimeLapse con GoPro e di tutto l’occorrente che ci serve per prepararsi a scattare il nostro TimeLapse, negli articoli precedenti. Ora quali sono i passi principali per avere delle immagini tecnicamente perfette con cui non impazzire nella fase che seguirà quella di scatto, ossia la post produzione e il relativo montaggio?

Qui finalmente potrete godervi il momento e lasciare che la GoPro faccia tutto il resto in completa autonomia. Ma ci sono alcuni semplici passaggi da rispettare e seguire prima di godersi il meritato riposo.

La fase di scatto è quella che preferisco perché dopo essersi preparati tutto il necessario, si parte finalmente alla ricerca di una bella storia da raccontare con il magnifico mezzo che è il TimeLapse con GoPro

1. IL SOGGETTO

Timelapse con GoPro

Se a casa eravate partiti con una certa idea di TimeLapse con GoPro, vi troverete sempre di fronte ad una situazione leggermente diversa da quello che vi eravate immaginati. Siate quindi, anche qui, creativi. Una volta arrivati sul posto guardatevi attorno e interpretate con attenzione quello che succede intorno a voi.

Cogliete il lento movimento delle nuvole, catturate l’angolo di luce più bello, cercate qualcosa che si cela agli occhi della maggior parte delle persone, perché semplicemente accade troppo lentamente per essere notato nella vita frenetica di tutti i giorni.

Il concetto è quindi cambiate idea anche all’ultimo secondo se notate qualcosa di interessante. Questo perché una volta avviata la fase di scatto del TimeLapse con GoPro, non potrete più toccare la cam a meno di ricominciare tutto da capo.

2. POSIZIONAMENTO

Timelapse con GoPro

Scegliete il vostro supporto più adatto all’occasione, aprite il treppiede o agganciate il vostro morsetto Jaws e assicuratevi che sia ben stabile e fermo. Durante la ripresa nulla dovrà muovere la GoPro attaccata al suo supporto. Un soffio di vento, un passante distratto o un posizionamento approssimativo potrebbero minare al risultato finale del vostro TimeLapse con GoPro.

3. COLLEGAMENTO BATTERIE

Timelapse con GoPro

Questo può essere un passaggio opzionale se state pensando di scattare un TimeLapse con GoPro più corto di 2 ore. Se invece come me volete andare su durate molto più lunghe o semplicemente non volete preoccuparvi di controllare di continuo il livello della batteria della vostra GoPro, che minaccia da un momento all’altro di scaricarsi, la soluzione come ho già accennato sono dei PowerBank esterni che si collegano semplicemente all’uscita USB della GoPro e che forniscono in base alla loro capacità in mAh un’autonomia di svariate ore alla nostra telecamerina.

Questo setup prevede l’utilizzo di un Frame per GoPro per permettere il collegamento all’uscita USB. In più se il tempo minaccia pioggia o la nottata è molto umida e volete star tranquilli, quello che uso sono dei sacchetti che infilo sulla GoPro e sul treppiede, proteggendo così sia la GoPro che la batteria esterna collegata, ai quali faccio un piccolo foro al fondo del sacchetto, dove faccio uscire solo la lente della GoPro, pinzandola poi con una semplice lente di protezione per GoPro.

4. INQUADRATURA

Timelapse con GoPro

Scelto il soggetto, e posizionata la GoPro verso quest’ultimo quello che dovrete fare sarà controllare un’ultima volta l’inquadratura con il vostro remote o sul vostro schermino della GoPro.

Io faccio sempre uno scatto di prova con l’App per smartphone di GoPro e osservandolo, faccio gli ultimi aggiustamenti millimetrici della mia  GoPro.

5. SCELTA PARAMETRI DI SCATTO

Timelapse con GoPro

Posizionato tutto, controllata l’inquadratura e spostati finalmente nella modalità TimeLapse, arriva una delle fasi più critiche. C’è da dire che se anche sbagliassimo di poco questi parametri, fatti essenzialmente di intervalli di tempo tra uno scatto e l’altro, essi possono essere corretti in parte in post produzione. Ma meglio fare bene le cose subito.

  • Scelta dell’intervallo di scatto: In generale  – Se state scattando una scena molto veloce, come una piazza con molta gente che cammina o un paesaggio con nuvole che vi sembrano muoversi molto velocemente vi consiglio di utilizzare tempi relativamente brevi 1, 2, 5 secondi
    – Se state scattando una scena lenta invece una notte stellata o un tramonto, i tempi da utilizzare saranno più lunghi 10, 15, 20 e 30 secondi

Qui non c’è una vera e propria ricetta magica, ci sono delle regole generali da seguire per non fare errori grossolani, quello che vi aiuterà sarà la vostra esperienza nello scegliere tra i valori che vi ho elencato prima.

N.B. In un paesaggio stellato il tempo di scatto sarà di circa 30 secondi per raccogliere quanta più luce possibile dal cielo buio ( impostando quindi la sensibilità ISO a 800 ), il parametro che dovrete settore sarà però scatto CONTINUO perché i 30 secondi in cui lo scatto di crea prevedono già una pausa di 30 secondi!

Evitate di mettere scatto CONTINUO se non in situazioni notturne, quello che otterrete saranno solo una marea di scatti che riuscirete con molta più fatica a gestire in post produzione.

  • Scelta degli ISO: quello che consiglio per il settaggio di questo parametro, che ricordiamo si trova abilitando la voce PROTUNE nel menù dello scatto TimeLapse, è di settarlo sempre a 800 ricordandoci che quello che sentiamo è un limite, sarà quindi la GoPro a scegliere con che valore scattare in base all’esposizione e alla quantità di luce che si troverà ad affrontare.
  • Scelta della durata del vostro video: quello a cui dovete pensare è quanti scatti vi servono e quanto tempo dovrete quindi attendere affinchè possiate considerare ultimato il vostro TimeLapse!
    E qui dovete prendere la calcolatrice e fare qualche semplice conto.

Poniamo di voler realizzare un Timelapse di 1 MINUTO avendo scelto un intervallo di scatto di 10 secondi.
Questo vorrà dire che otterrete 6 scatti ogni minuto di timelapse che aspetterete.

Vorrà dire che in 6 minuti otterremo 6 minuti X 6 scatti ogni minuto –>  36 scatti ottenendo quindi 1,2 secondi di TimeLapse !!
Ora immaginiamo di scegliete per il montaggio del TimeLapse di inserire 30 foto ogni secondo ossia 30 fps.

Se vogliamo ottenere 1 MINUTO di TimeLapse —-> 1 minuto = 60 secondi di TimeLapse = 60 secondi X 30 fps (foto ogni secondo che si utilizzano in fase di montaggio) ==> 1800 foto che dovremo ottenere dalla sessione di scatto!

Ora se il nostro intervallo è di 10 secondi 60 secondi/10 secondi vuol dire che otteniamo 6 foto al minuto.

1800 foto/ 6 foto al minuto (1 ogni 10 secondi) = 300 minuti = 5 ORE !!!

Questo sarà il tempo che dovrete aspettare per ottenere il vostro TimeLapse con GoPro da 1 minuto, con le impostazioni scelte!

 

Timelapse con GoPro

6. DARE IL VIA AL TIMELAPSE con GoPro

Bene avete fatto tutto! Ora dovete solo più schiacciare il famigerato pulsante di scatto direttamente dal vostro remote e il gioco sarà fatto!Beh a dire il vero quello che è sottinteso è che aspettiate la fine del vostro TimeLapse come preferite!

Fatevi una dormita, leggetevi un libro, mangiate o bevete qualcosa con gli amici!

7. INTERROMPERE IL TIMELAPSE

Una volta passato il tempo che avete calcolato precedentemente e controllato sul vostro orologio, potete stoppare il TimeLapse, rimettere tutto nello zaino e tornare a casa colmi di materiale da elaborare!!

Continuate a seguirci su HeroBlog.it per ulteriori tutorial e How-to, sulle più svariate funzioni delle vostre action cams!