Light painting: come procedere con i modelli GoPro

2
Light Painting GoPro

GoPro si è data parecchio da fare con i modelli Hero4, tra le novità troviamo nella versione Black la possibilità di registrare video in formato 4K mentre nella variante Silver è presente lo schermo LCD touch incorporato. Una miglioria che ha colpito entrambi i modelli è relativo al lato software, più precisamente al maggior controllo delle impostazioni fotografiche. Oltre alla possibilità di scegliere vari parametri, come gli ISO massimi, la nitidezza e il profilo colore, è stata aggiunta l’interessante modalità Night Photo utile per i cosiddetti Light Painting (congiuntamente anche Night Lapse).

light_painting_title

Questa ci da la possibilità di scegliere il tempo dell’otturatore permettendoci di effettuare foto migliori in condizioni poco luminose, come può accadere durante la notte, specialmente nel caso di un Time-lapse notturno (vedi l’articolo su cosa serve per fare un time-lapse con la tua GoPro).
Un tempo di scatto maggiore, oltre ai benefici detti in precedenza, può essere utilizzato per realizzare tramite la nostra creatività delle immagini spettacolari e soprattutto originali. Questo tecnica che vedete mostrata in fotografia si chiama light painting e come ci suggerisce il nome consiste nel dipingere una fotografia con la luce e, seguendo i miei consigli, riuscirete a eseguirla anche con le vostre amate GoPro.

Cosa serve?

Cosa serve per light paintingPer dipingere con la luce sono necessarie tre cose:
– Un treppiede fotografico o il più versatile GorillaPod (Link), per tenere ferma e stabile la GoPro
Buio o comunque poca luce in modo da rendere il fascio luminoso ben visibile e che da poter utilizzare un tempo di scatto più lungo per creare disegni più elaborati.
– Una fonte luminosa da scegliere come pennello per il vostro quadro fotografico; questa può essere di tutti i tipi e generi, dal LED presente sugli smartphone ai fari di un’auto. Fate varie prove con fonti di luce diverse perché a seconda della luce si otterranno effetti diversi.

Cosa fare con Hero4 per eseguire un Light Painting

Light PaintingIl light painting si faceva anche in passato con le fotocamere a pellicola ma è stato riscoperto con GoPro e i nuovi modelli Hero4 proprio per i motivi detti in precedenza, infatti con questi è possibile attuare questa tecnica utilizzando semplicemente la modalità Night Photo o Night Lapse. Basterà andare nelle impostazioni delle foto e scegliere il tempo dell’otturatore a seconda delle proprie necessità (è possibile impostare tale parametro a 2, 5, 10, 15, 20, o 30 secondi). Dopo aver scelto le impostazioni adeguate non vi rimane che riporre la GoPro in maniera stabile, premere il pulsante di scatto e cominciare a muovere la luce. Il risultato è nella microSD pronto per la post-produzione, sempre che vogliate farla.

Cosa fare con Hero3+ e precedenti per eseguire un Light Painting

Light Painting

Purtroppo i possessori di actioncam meno recenti (ma anche quelli di nuovi modelli come GoPro Hero e Hero+) non possono utilizzare il facile e veloce procedimento detto in precedenza. Non volendo rinunciare a questa tecnica, ho rispolverato le mie vecchie conoscenze per ricreare un effetto simile a quello generato dagli ultimi modelli.

Il principio è sempre lo stesso, sfruttare la poca luminosità ambientale per obbligare la fotocamera ad aumentare il tempo dell’otturatore. Quest’ultimo, nella GoPro, raggiunge il limite massimo di 2 secondi, un tempo generalmente non sufficiente a immortalare la vostra creatività. Per sopperire a tale mancanza sarà necessario effettuare più fotografie utilizzando la modalità time-lapse per poi unirle in seguito tramite un software sul PC disponibile gratuitamente (è consigliabile impostare la GoPro in modo che effettui uno scatto ogni 2 secondi).
Dopo aver compreso questo, il procedimento per effettuare un light painting non si discosta molto da quello descritto in precedenza. È necessario impostare la modalità time-lapse, posizionare la vostra GoPro ed effettuare una serie di scatti mentre muovete la fonte luminosa; a questo punto siete pronti per concludere l’opera utilizzando il vostro PC.
Il software che utilizzeremo si chiama StarStax (clicca qui per scaricarlo) e generalmente viene utilizzato per creare degli startrail.

Schermata StarstaxL’utilizzo di questo programma è veramente semplice, una volta aperto bisogna inserirvi le immagini tramite il bottone apposito (n°1) oppure trascinandole all’interno della finestra. Vedrete che si crea una lista comprendente tutte le immagini appena inserite e cliccando sopra al nome di ogni immagine è possibile visualizzarne un anteprima; in questo modo possiamo scorrere tutte le immagini e scegliere quali vogliamo inserire o meno nell’elaborato finale (intuitivamente per escludere un immagine è sufficiente togliere la spunta accanto al nome dell’immagine stessa). Una volta fatto ciò basterà cliccare sul pulsante n°2 e lasciare che il programma faccia il suo lavoro, una volta terminato questo processo StarStax ci mostrerà l’immagine finale che potrà essere salvata cliccando sul tasto apposito (n°3).


lightpainting

Consigli

Per ottenere risultati migliori cercate di mantenere la GoPro in maniera stabile, preferibilmente utilizzando i già citati treppiedi. Onde evitare scossoni dovuti dalla pressione del pulsante di scatto utilizzate i comandi remoti come l’applicazione o il telecomando Smart Remote. Per chi esegue il secondo metodo per effettuare il light painting ricordo di impostare la modalità time-lapse in modo da fare uno scatto ogni 2 secondi così da utilizzare il tempo massimo dell’otturatore. Inoltre le immagini non scattate in Night Photo o Night Lapse risulteranno scure, quindi nonostante un requisito fondamentale per questa tecnica sia il buio cercate dei luoghi che abbiano una luminosità adeguata, per capire quale sia vi suggerisco semplicemente di fare delle prove a varie ore della sera/notte.

Per concludere non lasciatevi intimorire e provate quest’interessante tecnica che risulta più difficile e laboriosa da spiegare ma che, dopo averne capito i principi, è veramente facile da applicare.

Continuate a seguirci su Heroblog.it, per rimanere sempre aggiornati su tutte le novità dal mondo delle actioncams, droni e videomaking!