NomadClip, un cavo per GoPro a doppio uso

0
Nomad

Siamo sommersi dalla tecnologia, batterie portatili e altri accessori che necessitano di essere collegati tramite un’apposito cavetto. Quando devo affrontare un viaggio, o comunque quando devo stare fuori casa per un po’ di tempo, sono costretto a portare con me parecchi cavi, ovviamente ognuno diverso dagli altri, eccezion fatta per i due cavi lightning, indispensabili per caricare tablet e smartphone. Non è un problema che hanno tutti, io stesso quando mi limitavo a portare con me solo il telefono non ne risentivo, ma quando gli accessori, e quindi i cavi, hanno cominciato a lievitare si comincia a pensare a cosa sia giusto portarsi in giro senza esagerare. Nonostante la razionalizzazione degli oggetti che sono con me in vacanza/viaggio non riesco a fare a meno della nostra cara GoPro.
Non avevo mai pensato di utilizzare un cavo per altri scopi, in genere li ripongo tutti ordinati e ben legati in modo che non si aggroviglino tra loro, ma quando ho visto il prodotto della Nomad ne sono rimasto molto colpito, ed gi voluto subito sperimentarne le potenzialità!NomadClip


Analisi del Nomad Clip

Personalmente do molta importanza al packaging, credo rifletta ciò che l’azienda produttrice vuol far emergere del prodotto e della cura che ne ha avuto. La Nomad soddisfa in pieno questa descrizione infatti il NomadClip viene spedito tramite corriere espresso e si presenta all’interno di una scatolina di cartone, semplice ma ben fatta.

Come potete vedere già dall’aspetto emergono le caratteristiche di qualità e solidità che caratterizzano il Nomad Clip che, quando è richiuso, ha la forma di un moschettone gommato ma, una volta aperto, mostra il suo doppio uso rivelando le due estremità, da un lato una USB e dall’altro una Mini-USB. NomadClipI materiali di cui è composto il NomadClip sono stati selezionati appositamente per offrire all’utilizzatore qualità, resistenza e durabilità, in tre settimane di utilizzo intenso dove ho maltrattato l’oggetto non ho rilevato alcun segno di usura ne sul policarbonato (marchiato Bayer) ne sul metallo che, a detta della Nomad, si tratta di un composto di metalli resistenti ai graffi.NomadClipIl cavo non ha la solita forma, risulta appiattito in modo da essere riposto correttamente nella sua sede donando al cavo stesso un aspetto un po più chic. Inutile dire come la probabilità di trovarsi nello zaino il cavo attorcigliato a se è nulla, inoltre è possibile utilizzare il moschettone per qualsivoglia utilizzo, personalmente lo trovo molto comodo per appendere accessori che uso spesso all’esterno dello zaino, come il pole della SP Gadgets. Nonostante non sia certificato per il climbing il prodotto è molto resisteste, ho provato ad appenderci oggetti di 15–20 Kg senza sentire alcun cedimento e senza che si sia deformato.


Conclusioni sul Nomad Clip

Il prezzo effettivamente non è alla portata di tutti, perlomeno se pensiamo al NomadClip come ad un semplice cavo 29,95$ sono un po’ tanti, ma vi assicuro che la sua comodità e l’ingombro pari a zero (nel caso lo appendiate allo zaino o ai pantaloni) ripagano appieno il prezzo speso. Da notare che l’azienda offre lo stesso prodotto ma con la variante lightning o micro-USB.