Smart Hub per Google Home: serve davvero?

0
smart-home-per-google-home-copertina

Esistono ormai sul mercato moltissimi prodotti smart per la nostra casa e spesso questi dispositivi necessitano di una loro centralina dedicata per funzionare correttamente. Dunque la domanda sorge spontanea: serve uno smart hub per Google Home Mini o Nest?

Se stai cercando un posto dove poter scambiare consiglipareriopinioni e molto altro sul mondo della domotica, ti consigliamo caldamente di dare un’occhiata al nostro gruppo dedicato.

Ma andiamo avanti!


Smart Hub per Google Home: serve o no?

Come abbiamo già accennato, molti dispositivi intelligenti funzionano esclusivamente mediante i rispettivi hub dedicati, altri invece funzionano anche tramite centraline wi-fi di terze parti.
Questa differenziazione, soprattutto in un momento di apertura verso queste nuove tecnologie come adesso, tende a creare un po di confusione durante l’acquisto di un sistema domotico.

Uno degli assistenti vocali più utilizzati è senz’altro quello marchiato Google.
Per chi non sapesse di cosa sto parlando, consiglio di dare un’occhiata alla nostra recensione del Google Home Mini.

Tornando a noi, possiamo finalmente dirvi che i sistemi Google Home non necessitano di alcun hub.
L’unica condizione necessaria e sufficiente per il giusto funzionamento, è la continua presenza di una connessione ad internet.

Questo significa che aggiungendo nuovi dispositivi Google alla nostra casa, come appunto il Google Home Mini o il Nest Hub, non avremo bisogno di un router aggiuntivo a cui connetterli.

google-home-mini


Smart Hub per Google: uso nella domotica

Tuttavia, sarà comunque necessario un Hub qualora volessimo far interfacciare Google con gli altri smart device della casa.
Solo in questo modo il nostro assistente vocale potrà inviargli comandi, nonostante originariamente comunichino in diversi linguaggi.

Tenete comunque sempre a mente che non tutti gli elettrodomestici intelligenti necessitano di uno Smart hub dedicato: sarà compito vostro controllare caso per caso le specifiche di ogni modello.

Come avrete notato in diversi shop online, Google ha dato la possibilità alle ditte produttrici di esplicitare l’eventuale compatibilità con il sistema Home.
In questo modo, la scelta e l’acquisto del giusto hub per Google Home diventa estremamente più veloce.
Proprio come è stato fatto per Amazon Alexa e Apple HomeKit.

Potrete esserne dunque sicuri se sulla confezione è presente la dicitura “Works with Google Assistant“.

smart-hub-per-google-home


“Compatibile con Google Home”

Se provate a cercare “compatibile con Google Home” su Amazon.it, potrete notare le dozzine di prodotti disponibili per la vostra casa.

La maggior parte dei brand garantiscono già la connettività all’ecosistema Google senza problemi.
Molti altri marchi, invece, stanno nel tempo aggiornandosi ed implementando le nuovissime funzionalità degli assistenti di casa.
Quindi se i vostri dispositivi intelligenti non dispongono ancora di tale funzionalità, vi consigliamo di attendere in quanto potrebbero averla tra non molto!

Nel caso foste interessati voi stessi a creare un hub intelligente a cui collegare il vostro assistente di casa, Google mette a disposizione un’intera sezione dedicata agli sviluppatori, in cui vengono specificati i requisiti per poter impostare la compatibilità con i sistemi Google.

compatibilità-assistente-google


Connettività di Google

Come avevamo anticipato in precedenza, i prodotti Google utilizzano esclusivamente la connessione Wi-Fi per comunicare con i loro server.
Questo significa che dovremo solamente assicurarci che i dispositivi siano alloggiati all’interno del range della nostra connessione.

Attenzione: se posizionerete i device Google troppo lontani dalla sorgente della connessione, potrebbero verificarsi cali o interruzioni della connessione.
In più, è estremamente sconsigliato posizionare gli speaker di Google vicino ad elettrodomestici come il microonde.

Un’altra funzionalità incredibilmente utile è senz’altro l’integrazione di Chromecast nel nostro sistema di casa Google.
In questo modo, saremo in grado di trasmettere alla televisione direttamente dai nostri dispositivi o servizi di terzi.

Ad esempio:” Hey Google, fammi vedere Breaking Bad su Netflix

Per quanto riguarda il comparto audio una delle funzionalità più interessanti degli ecosistemi di Google è sicuramente quella di poter creare dei sistemi di musica diffusa in tutta la casa.
Infatti, anche senza un hub per Google Home, saremo in grado di connettere i diversi dispositivi sparsi per le stanze, chiedendo all’assistente di riprodurre ad esempio del buon Jazz in tutta la casa.

Nota bene che nessuno dei dispositivi Google Home dispone del jack 3,5″.

smart-hub-per-google-home


Devo pagare un abbonamento a Google Home?

Questa è sicuramente una delle domande più ricercate.
La risposta è No, per utilizzare i servizi Google Home, vi sarà sufficiente registrare un account Google gratuito.
In ogni caso, se volete accedere a Google Music, sarà necessario il pagamento di un abbonamento mensile.

Naturalmente, potete aggiungere in qualsiasi momento il vostro account free o premium di Spotify.
In questo modo, sarete in grado di trasmettere musica da Spotify sul vostro speaker Google.


Smart Hub per Alexa e HomeKit?

Tranquilli, neanche per Amazon Alexa o Apple HomeKit è necessario un hub Wi-Fi di gestione.
Proprio come Google Home, entrambi richiedono semplicemente una connessione ad internet stabile per funzionare correttamente.

In ogni caso, per poter accedere in remoto ad Apple HomeKit, sarà necessario l’utilizzo di una Apple TV 3 o 4, oppure un iPad che utilizza almeno iOS 10. Questo accessorio dovrà essere lasciato acceso ogni volta che usciremo di casa per poter accedere correttamente in remoto.


Niente Smart Hub per Google: ma senza internet?

Come abbiamo già ripetuto, Google Home ha bisogno di una costante connessione ad interne per funzionare nel modo giusto.
Questo per il fatto che il nostro speaker capta istruzioni vocali e le trasmette ai server di Google per processare la richiesta ed elaborare una risposta.

Questo significa che senza connessione, Google Home è incapace di interpretare le tue istruzioni e, nel caso, interagire con i device di casa. Quindi dal punto di vista dell’assistente diventa piuttosto inutile; ma potremmo comunque continuare ad utilizzare lo speaker come cassa bluetooth per ascoltare musica, podcast o simili.

Potrebbe interessarti anche: